Castello Visconteo


Il castello di Vogogna, costruito in posizione elevata rispetto al borgo, con la sua torre semicircolare domina tutto il paese. Committente della fortificazione, con ogni probabilità, fu Giovanni Visconti, il quale nel 1348, quando Vogogna era capitale dell'Ossola Inferiore, ampliò il nucleo preesistente costruito dalla torre quadrata e da parte della cinta muraria, addossando altri corpi di fabbrica. Nello stesso periodo Vogogna fu dotata di una cinta di mura più ampia per proteggere l'intero paese e di un palazzetto del Pretorio, sede del Vicario, realizzato ai piedi della scalinata che conduce al castello. La pianta della struttura fortificata ha forma irregolare, determinata sia dall'ortografia del terreno sia dalle diverse fasi costruttive che la compongono; nei vari corpi di fabbrica si riscontra infatti la presenza di elementi architettonici a volte anche molto dissimili tra loro. Nel 1798 il castello divenne proprietà comunale ed utilizzato come prigione per delinquenti comuni e detenuti politici. Chiuso al pubblico nel 1970, dopo un restauro iniziato nel 1990, è stato riaperto nel 1998.

Altri punti d'interesse a Vogogna

Via Roma

Alpe Marona

Circolo di Genestredo