Villa Boffa


La Villa, posta in alto rispetto al paese, che ora appartiene ad una coppia di signori tedeschi, venne fatta costruire dal Conte Orsetti nell’800 come tenuta di Caccia. Dicono che qui sia venuto ospite Umberto I quando era Principe di Piemonte e Senatore del Regno, quando stavano costruendo la ferrovia del Sempione, perché Il Conte aveva in progetto di staccare un ramo di ferrovia e salire a Bieno, Santino, Trobaso, Cambiasca, Caprezzo, Intragna, Scareno, Aurano e arrivare a Esio e Premeno. Ma dato che veniva tagliato fuori Ramello, e la ferrovia sarebbe dovuta passare sopra lo scoglio della Madonnina e poi dove c’erano i terreni e i frutteti, gli abitanti non gliel’hanno lasciata fare. Lui allora vende la villa al suo ingegnere Cambiaghi che gliel’aveva progettata e va dalle parti di Como. Qui abitava in un edificio sul lago che poi è diventato la villa Taranto, e dicono che quando aveva ospiti su a Caprezzo si facevano i segnali di fumo di giorno e di luce di notte. – Rinaldo Pellegrini, 2018 – Dopo Cambiaghi ci furono poi i Boffa, ed ora la Villa è dei Matten.

Altri punti d'interesse a Caprezzo

Lavatoi

Bottai

Chiesa di S. Bartolomeo