Intragna

/ Terre di mezzo

Il nucleo di Intragna e le sue frazioni si stagliano visibili sul fianco ripido della montagna non appena si giunge nei pressi del ponte Nivia, prima di intraprendere gli stretti tornanti che salgono al paese. Un tempo popolato da circa 1300 abitanti, oggi risente degli effetti dell’abbandono ma mantiene in vita il suo Circolo, sede della storica Società di Mutuo Soccorso. Il centro storico è attraversato da stretti vicoli che salgono e scendono, con ripidi scalini ricavati con la pietra locale. Nei dintorni dei nuclei abitati vi sono numerose cappelle votive, la più curiosa delle quali è quella dedicata a S. Fermo che, secondo la tradizione orale, avrebbe il merito di mantenere ferma e stabile la frana sottostante. Alcuni lavatoi e fontanoni sono disseminati nel paese e nella frazione di Cambiesso, dove la fontana antistante il piccolo oratorio veniva addobbata con le rape in occasione dell’annuale festa autunnale dei burdugn.  

Pizzo Marona Pian Cavallone Alpe Sunfai Chiesa della Beata Vergine delle Grazie Fontana dei Burdùgn Fontanone Capelin Brughere Cappella della Madonna di Caravaggio Lavatoio Ex Albergo Ex Asilo Infantile Via a scalini Chiesa di S. Giacomo Cappella di S.Fermo Sede della Società Operaia di Mutuo Soccorso Vecchio Municipio Costume tradizionale femminile Fontana e Lavatoio di Vico