Ponte Casletto


Il ponte che permette l’ingresso nella vera e propria Val Grande fu teatro delle giornate più violente e tristi della storia della Resistenza Partigiana. Il pomeriggio dell’11 giugno 1944 una colonna motorizzata tedesca sale da Rovegro verso Cicogna. Nei pressi della galleria che precede Ponte Casletto si imbatte nei partigiani che difendono la postazione e inizia lo scontro a fuoco. Verso sera i tedeschi si ritirano. Lo scontro riprende il mattino successivo. Due autoblindo cercano di attraversare il ponte che però viene fatto saltare dai partigiani. La stessa sorte tocca al ponticello sulla mulattiera che proviene da Cossogno, ma non alla passerella della condotta dell’acqua. Nel frattempo una colonna tedesca proveniente da Mergozzo, dopo aver scavalcato il Monte Faié, attacca Corte Buè che viene abbandonata dai partigiani. Lo scontro si sposta intorno al Ponte di Velina, che poi verrà fatto saltare nel tentativo di fermare l’avanzata tedesca. A Ponte Casletto, verso mezzogiorno, la situazione peggiora. I tedeschi costringono i partigiani ad arretrare, riescono ad attraversare la passerella dell’acqua e iniziano a salire verso Cicogna. Così ha inizio il più grave rastrellamento della zona, che si conclude il 30 giugno con circa 300 perdite tra le tre bande partigiane.

Altri punti d'interesse a San Bernardino Verbano

Cartiera Franzi

E.R.F.O.

Ponte Romano