Via Crucis


Le cappelle della Via Crucis si estendevano dalla Chiesa Parrocchiale fino al Santuario di Inoca. Non è noto quando furono costruite, ma sono citate per la prima volta nel 1761. La prima stazione, sul sagrato della Chiesa di S.Brizio, fu abbattuta negli anni ’50 del ‘900, così come la seconda, per costruire al suo posto l’ufficio postale, e la quarta. Le altre si susseguono lungo il sentiero, con affreschi molto deteriorati se non del tutto perduti. L’ultima stazione pare si trovasse all’interno dell’Oratorio della Madonna di Re ad Inoca.

Altri punti d'interesse a Cossogno

Acquamondo

Cappella delle croci

Rugno